sabato 10 novembre 2018

LA MACCHINA NERA (THE CAR) - Modello in scala 1:18


La rinascita di un incubo - Dai disegni alla stampa 3d.

Questo post è dedicato alla riproduzione in scala 1:18 dell'automobile protagonista del film "La Macchina Nera", uscito nelle sale nel 1977.
Attore principale è James Brolin, sceriffo di una piccola cittadina presso le Montagne Rocciose, la cui quiete è funestata dalla morte di svariate persone, tutte travolte da una misteriosa automobile nera e anonima, che sembra tanto inafferrabile quanto indistruttibile.

This post is dedicated to the making of a 1:18th scale model of the automobile starring the movie "The Car", released in 1977.
James Brolin is the main character of the plot, as a sheriff in a small city near Rocky Mountains. Suddenly people is frightened by the death of many persons, all of them killed by a mysterious black car, that seems as much indestructible as impossible to catch.


L'autovettura di questo racconto cinematografico fu creata dall'abile artigiano George Barris, che firmò la prima Bat-Mobile e Kitt della serie "Supercar". Il design dell'auto maledetta riesce, con poche e semplici linee, a esprimerne l'anima malefica. In particolare ciò avviene nel muso, dove i fari, la griglia di raffreddamento e i paraurti ricreano le fattezze di un feroce ghigno affamato.

This movie features a special vehicle created by prestigious coachbuilder George Barris, who endorsed also the first Bat-Mobile and Michael Knight's Kitt. The design of the horrific car is made of a few simple lines, that express the inner evil soul. Especially it's visible in the front, where the combination between lights, radiator grill and steel bumpers look together as the marks of a cruel hungry face.


Grazie ai software di modellazione e alla stampante 3d, posso provare a riprodurla in scala; tutto inizia da un progetto vero e proprio, che realizzai molti anni fa su tecnigrafo, impostando la carrozzeria in ogni dettaglio.

Thanks to the CAD modelling tools and 3d-printer, I will try to reproduce a scale version of the car; let's start from an old project of the bodywork, that I made on paper a long time ago.



Ed ora, vediamo una sintesi di tutto il processo di creazione del prototipo.
Let's see a summary of the whole making of the prototype.


 Dall'immagine in alto a sinistra: 1) Progettazione; 2) Stampa 3D; 3) Le due metà del modello, con i fori per le viti di collegamento; 4) Prova di montaggio con le ruote; 5) Unione delle metà, mediante colla e bulloni; 6) Stuccatura per livellare la linea di congiunzione.

From the top left picture: 1) Engineering; 2) 3D printing; 3) The two half parts of the model, with holes for connection screws; 4) Evaluation assembly with wheels; 5) Assembly of the model, with glue and fastening bolts; 6) Final putty to smooth the connection edges.


1) Lisciatura delle superfici con apposita resina; 2) Prima verniciatura (nero); 3) Protezione del modello, verniciatura paraurti e griglia anteriore; 4) Colori nero e grigio metallico applicati; 5) Incollaggio fari anteriori, indicatori di direzione e profili cromati di contorno del parabrezza; 6) Incollaggio fari posteriori; 7) Modello finito.

1) Smoothing surfaces with specific resin; 2) First coating process (full black); 3) Wrapping of the model, coating of bumpers and front grill; 4) First impression of black and grey colours; 5) Sticking of front lights, direction lights and chrome frame of the windscreen; 6) Sticking of rear lights; 7) Model finished.

FARE CLICK QUI PER ANDARE AL SITO DI PRESENTAZIONE DEL MODELLO
CLICK HERE TO JUMP TO THE PRESENTATION WEBSITE OF THE MODEL.

 (Ritorna alla pagina iniziale / Back to Home Page)

mercoledì 11 luglio 2018

RIPARAZIONE MANIGLIA PER TROLLEY


La "Fabbrica" oggi torna a cimentarsi nella realizazione di parti di ricambio difficili (o impossibili) da reperire sul mercato.
Il tema del giorno è "ricostruire il pulsante interno del manico di una valigia trolley".
Il pezzo originale è il classico esempio di oggetto destinato a una fine programmata; un peccato, specie se inserito in una valigia ben confezionata e di buon effetto.
Prima di tutto, aiutandomi con un po' di stucco, ho ricostruito il pezzo, per poterlo misurare accuratamente.
Smonto il manico della valigia e appoggio il pulsante sui perni laterali, simulando il funzionamento della serratura; mi accorgo che, premendolo a fondo, non arriva ad appoggiarsi sulla base della maniglia, ma rimane sollevato di almeno 3 millimetri. Si spiega così la flessione che, con l'uso prolungato, ha provocato la doppia rottura.
Pur confidando nelle buone proprietà strutturali dell'abs, ho impostato il disegno del pulsante aumentando lo spessore di 3 millimetri lungo l'intera lunghezza.
Programmando la stampante, ho fissato il riempimento al 100% e l'altezza degli strati a 14/100 di millimetro, per avere una struttura compatta e stampabile in un tempo ragionevole (2 ore e mezza).
Rifinisco il pezzo, eliminando i supporti ausiliari per la stampa e lo inserisco nella maniglia.
Dopo ripetute prove, sembra funzionare molto bene: BUON VIAGGIO, allora!

( Ritorna alla pagina iniziale / Back to Home Page )

venerdì 15 giugno 2018

POLARIS Concept - Il prototipo in scala 1:24

Nel mio blog LA SCRIVANIA DI GIOVANNI, sono pubblicati i render 3d relativi al progetto "POLARIS", una supercar che disegnai ispirandomi alla Evantra, modello ideato e prodotto dalla Mazzanti Automobili, piccola azienda artigiana di Pontedera.
Cliccando sul pulsante "Mazzanti Automobili" nella barra del menu, è possibile visualizzare l'intera cronologia di questa mia idea, partendo dal bozzetto iniziale, consegnato a Luca Mazzanti in persona nel Novembre 2013.

Qui vediamo le fasi di realizzazione del prototipo in scala 1:24, dunque misura cm 20 x 8.3 x 4.8.
Il filamento utilizzato è in abs e ha richiesto 31 ore per la sola scocca.
A parte sono state stampate le ruote, le maschere di verniciatura per i cerchioni e le sagome dei gruppi ottici anteriori.







martedì 13 marzo 2018

Bowling da tavolo 3.0 - Versione bordeaux

Grande successo a PLAY MODENA 2018!


 
Mentre allestivo un bowling per un Cliente, ho individuato molti spunti di evoluzione della pista. L'esemplare di queste immagini presenta svariati particolari riprogettati, con l'obiettivo di migliorare la qualità complessiva del montaggio e del funzionamento. 

 
In questo video, ritroviamo le immagini degli "spot" pubblicitari pubblicati nei precedenti post, con una sezione dedicata al lavoro delle stampanti 3D.

martedì 30 gennaio 2018

Fermodellismo: stazione di Ponte Nelle Alpi - Polpet




Inizia il progetto di riproduzione in scala 1:87 della stazione di Ponte Nelle Alpi - Polpet, in provincia di Belluno.
Dopo circa 40 ore di stampa per realizzare i muri perimetriali, qui vediamo una prima valutazione generale dell'edificio, accostandolo a fabbricati e vari accessori commerciali.

Let's start the manufacturing of 1:87th scale model of Ponte Nelle Alpi - Polpet railway station, located in Belluno province, northern Italy.
After about 40-hours printing to make the perimeter walls, here is the first general preview of the building, by a comparison with some model railways commercial stuff.

giovedì 28 settembre 2017

Bowling da tavolo 3.0

Ecco la terza versione del mio progetto del bowling da tavolo,
PIÙ SEMPLICE da costruire,
PIÙ SPETTACOLARE nel funzionamento.

GIOCA A BOWLING SU QUALSIASI SUPERFICIE PIANA

UN GIOCATTOLO UNICO ED ESCLUSIVO,
 CHE UNISCE LA TRADIZIONE DELL'ARTIGIANATO
ALLA NOVITÀ DELLA STAMPA 3D


Selezionato fra gli Espositori della Fiera Mondiale

Video promozionale - Versione lunga
 

Video promozionale - Versione breve
 



Di tutti i meccanismi fin qui realizzati, ritroviamo la medesima struttura portante, pensata per l'alloggiamento nell'apposita pista. Rispetto al gioco su un piano qualsiasi, la pista rende più coinvolgente ogni partita, grazie alla rampa di ritorno della biglia e all'illuminazione a led.


La prima versione si basa su un argano a pulegge (abbinato a pesi da pesca per mantenere i fili in tensione); la seconda sfrutta un ingranaggio a cremagliera per il trascinamento dei fili.
La versione 3.0 avvolge i fili attorno a un grande rullo, il cui aspetto assomiglia in parte a una ruota panoramica, e in parte a una mietitrebbia.
Sul retro, è sempre montato il contenitore per le biglie, che offre supporto alla rampa di lancio per effettuare i tiri.


Per poter effettuare il secondo tiro, è possibile trattenere sospesi i birilli caduti nel primo tentativo, bloccando i fili con le apposite palette numerate, esattamente come avviene nel progetto 2.0.


Il rivestimento morbido della parete di fondo ammortizza l'impatto con la biglia, fungendo da silenziatore. Se il gioco avviene su un tavolo e non sulla pista, manca la fossa di recupero per la biglia, che così rimbalza e torna indietro, rischiando di abbattere altri birilli.
Nella versione 3.0 compare la novità della "trappola", che imprigiona la biglia in seguito al rimbalzo.


Concludiamo la descrizione del bowling con le specifiche tecniche fondamentali del meccanismo.

Table Bowling 3.0

This is the third release of my project of table bowling,
SIMPLIFIED for easier assembly,
MORE SPECTACULAR when operating.

PLAY BOWLING ON ANY FLAT SURFACE

AN UNIQUE AND EXCLUSIVE TOY
THAT JOINS HANDCRAFT WITH 3D-PRINTING

Selected as Exhibitor for the World Faire
Hall 7 - Stand E26 
Click HERE to see the Exhibition website.

Promo video -  Long version

Promo video - Short version
 



We find the same bearing structure of the previous versions, that’s suitable for the specific lane.
When compared to playing on whatever flat surface, the lane makes every game more engaging, thanks to the ball return device and the led lighting.


The first version features a pulley winch (along with fishing weights to keep the tension of strings); the second one uses a gear rack mechanism to pull the strings.
Version 3.0 wraps the strings around a large roll, which almost reminds the look of a ferris wheel or a harvester.
On the rear, there’s always the ball container, which works as a support for the throw ramp as well.


To make the second shot, it’s possible to hold the fallen pins after the first attempt, by locking the strings with the number palettes, same as project 2.0.


The soft pad of the end edge dampens the strike of the ball and makes it more silent. In case of playing on a table instead of the lane, there's no pit for ball recovering, therefore it rebounds backwards with the risk of hitting further pins.
Version 3.0 features the new "trap" system, that blocks the ball after the rebound.


As a final step of the introduction, these are the essential specifications of the bowling machine.

(Back to Home Page)