giovedì 9 luglio 2020

Centrotavola ispirati ad autodromi internazionali

Da parte di alcuni amici, attivi nel Campionato Mondiale "Porsche Carrera Cup", è arrivata la richiesta di progettare una serie di centrotavola da utilizzare in un ricevimento di nozze.
Ciascuno di essi è dedicato ad un circuito del campionato, così ho proposto un progetto il più possibile razionale, per ottimizzare il processo di realizzazione. Abbiamo, dunque, un supporto di base uguale per tutti, predisposto per l'inserimento di una targhetta che riporta, in rilievo, il nome della pista.
È tutto realizzato con filamento "rosso corsa", e durante il processo di stampa delle targhette è stato introdotto un filamento bianco per creare le lettere delle scritte.


Per la terza volta da quando pubblico i miei lavori sul blog, per l'esecuzione dei pezzi stampati ho chiesto la preziosa collaborazione del laboratorio SI-DESIGN di Rubiera (RE).
Il progetto ha pienamente soddisfatto i committenti, e potrebbe essere sviluppato in futuro.



( Ritorna alla pagina principale / Back to Home Page )

lunedì 20 aprile 2020

Fermodellismo: stazione di Ponte Nelle Alpi-Polpet (parte 2)

Dopo aver abbandonato questo progetto per oltre due anni, riparte la costruzione del modello in scala 1:87 della stazione ferroviaria di Ponte Nelle Alpi-Polpet, località in provincia di Belluno.

After breaking up for more than two years, now it's time to start again the manufacturing of 1:87th scale model of Ponte Nelle Alpi-Polpet train station, that's located in Belluno province.


PASSO 8)
Finiture adesive - Per completare il modello, applichiamo alcuni particolari reperiti in commercio, quali l'orologio in miniatura e le tegole adesive, facili da ritagliare e da modellare, per raggiungere un ottimo realismo.

STEP 8)
Finishing stickiers - As a final touch, let's assemble some details available on the market, like the clock and the roof tiles, easy to cut and to shape on surfaces, to achieve the best realism.


 Le insegne col nome della località, il monitor del traffico ferroviario e la bacheca con gli orari stampati sono riproduzioni di particolari fotografati dal vero. Tutto è stampato su carta fotografica lucida con una comune stampante a getto d'inchiostro, e il livello di definizione è davvero alto, perché il monitor è ancora completamente leggibile! Talvolta, la stampa ha un'adesione fragile alla carta lucida, così suggerisco di applicare un nastro adesivo trasparente di protezione.

The boards with the name of the city, the monitor of train traffic and the display for timetable are taken from real photos. Everything is printed on glossy photo paper by an ordinary inkjet printer, that's anyway able to give a top resolution level, because the full monitor can still be read! Sometimes the grip of colour on glossy papers is not so strong, then I suggest to apply a clear adhesive tape as a protection.


PASSO 7)
Montaggio dei comignoli - Il pla nero di base è ottimo per ricreare, attraverso la pittura, l'effetto di fumo e invecchiamento dell'intonaco.

STEP 7)
Sticking of the chimneys - The black pla material perfetcly helps the painting process to make the effect of smoke and ageing.



PASSO 6)
Per riprodurre i vetri di porte e finestre, ritagliamo dei riquadri da un foglio di pvc rigido e li incolliamo sulle pareti interne della stazione.

STEP 6)
To make the effect of glasses on windows and doors, let's cut some square pieces from a pvc sheet and srick them to the inner walls of the station.


PASSO 5)
Stampiamo ora le grondaie, le verniciamo sempre con colori acrilici e, infine, incolliamo all'edificio mediante colla vinilica.

STEP 5)
Now let's print the drainpipes, then we paint them with acrylic colours as usual and finally we use vinyl glue to stick them to the building.


PASSO 4)
Mancano ancora molti particolari, però proviamo finalmente a vedere l'effetto della stazione posata accanto ai binari.

STEP 4)
Still many details are missing, but let's try at last to see how the station looks when standing along the railway.


PASSO 3)
Dopo il montaggio degli infissi alle finestre, procediamo con gli scuri: alcuni chiusi e alcuni aperti.

STEP 3)
After assembling the structure of windows, let's complete them with the shutters, some of them are closed and some are open.


PASSO 2)
L'obiettivo è riprodurre la stazione come appariva nel 2010, quando feci un sopralluogo per scattare le foto di riferimento. In questa immagine, documento la fase di preparazione della pittura muraria, con le cornici di porte e finestre. Si notano anche i camini, per riprodurre l'usura del tempo e gli aloni del fumo.

STEP 2)
The purpose is to male the station like it was in 2010, when I took the reference pictures.
This picture shows the coating of the walls, along with the frames of doors and windows.
You can also see the painting of chimneys with effect of ageing and smoke darkening.  


PASSO 1)
Muri e tetto dell'edificio sono stati incollati insieme e pitturati con una prima mano di primer.
Sono stati aggiunti i comignoli, porte, infissi e scuri alle finestre, oltre alla cabina riservata al personale ferroviario.
Ogni componente è stampata in pla, con risoluzione dei layer di mm 0.14 o mm 0.20, a seconda del tipo di oggetto.

STEP 1)
Walls and roof have been sticked together and painted with primer coating.
Then I added chimneys, doors, window frames and shutters, and the cabin for station employees.
Every component if printed in PLA, with layer resolution of 0.14 mm or 0.20 mm, according with the type of object.



Per concludere, allego un video dalla rubrica "L'Angolo Dei Treni" del mio canale YouTube, in cui la stazione appare per la prima volta in una ripresa filmata:



Fare click QUI per vedere i primi passi del progetto.
Please click HERE to see the first steps of the project.

( Ritorno alla pagina iniziale / Back To Home Page )

martedì 14 gennaio 2020

Partecipazione a EXPO ELETTRONICA MODENA 2020 assieme a SI-DESIGN



Grazie a Stefano Iembo, Titolare di SI-Design (Rubiera -RE-) per avermi ospitato nel suo stand a Expo Elettronica Modena 2020.
Ho cercato di dare il meglio, sia per aiutare la gente, attraverso le mie creazioni stampate in 3D, a capire la natura di una rivoluzione che sta avanzando inesorabile, sia per rafforzare l'attività promozionale di questa pregevole Azienda, con cui collaboro dallo scorso anno.
Il fatto di essere tornato a esporre in Fiera non più in veste "amatoriale", ma professionale, ha rafforzato in me la fiducia in un difficile e paziente cammino che potrei definire di... ricostruzione professionale, sempre attento ai segnali che la contemporaneità invia. La passione, la valorizzazione delle proprie attitudini sono l'essenza per dare il meglio. Vedere ancora intatto e rinnovato lo stupore che suscitano i miei oggetti è impagabile, ed è la dimostrazione di quanto di me abbia spremuto nell'impegno necessario alla loro creazione.
Si guarda oltre, verso il perfezionamento e miglioramento, soprattutto alla ricerca di un cammino di vita con maggiori punti di riferimento e sicurezza.
Grazie anche ai numerosissimi visitatori, e al dialogo positivo che hanno animato con me.









( Ritorna alla Pagina Iniziale / Back to Home Page )

Inaugurata la sezione dedicata ai principianti dell'arte del presepio

A fine 2018, nel menu del blog fu attivato il pulsante "PRESEPI", affiancato da una icona nella colonna laterale, che rimandava a un breve tutorial fotografico per princpianti circa la creazione di un presepio scenografico domestico, completamente autocostruito.
Ora è disponibile anche una sezione di video corsi, sempre rivolti a chi affronta per la prima volta l'arte del presepio, volendo apprendere alcuni degli strumenti di base, che introducono alle tecniche più avanzate utilizzate dai grandi Maestri.


La pagina è ancora in allestimento, e i video saranno caricati progressivamente nel tempo, man mano che verranno pronti. Chiedo, pertanto, di avere pazienza.


( Ritorna alla pagina principale / Back to Home Page )

lunedì 7 ottobre 2019

Collaborazione al progetto "DEAD HANDS": un abito per BELLA THORNE

Ringrazio lo stilista Dead Meat per avermi coinvolto in un progetto ambizioso e complicato al tempo stesso, che già nel titolo "Dead Hands" trasmette in modo efficace la personalità che l'Autore ha voluto infondere in ogni dettaglio dell'opera.
Si tratta di un abito, ispirato a quelli delle dame dell'Ottocento, da consegnare all'attrice americana Bella Thorne. La grafica dei tessuti, la scelta dei materiali, la complessità della costruzione hanno richiesto un grande impegno di progetto e abilità sartoriale.
Dead Meat voleva che l'abito fosse completato da una particolare collana, che riproducesse l'effetto di due mani nell'atto dello strangolamento. Fui, allora, interpellato per trovare il modo di raggiungere l'obiettivo, e subito mi apparve indispensabile l'utilizzo della stampa 3D. Date le particolari caratteristiche tecniche dell'intero progetto, sono uscito dall'ambito del mio laboratorio personale, individuando i Fornitori adatti a compiere ogni fase con la miglior qualità. La loro opera è stata completata dal mio intervento di scolpitura e ottimizzazione generale del modello matematico, rimodellando polsi, vene e tendini per valorizzare il realismo delle mani.

"Dead Hands" è un progetto di: Dead Meat & B3nm
Coordinatore progetto 3d: Giovanni Volpi
Stampa 3d: SI-Design
Scansione 3d: V-GER
Decorazioni e verniciatura collana: Marcello Rizza
Finiture in argento: "Parsifal" di Maurizio Croci
Progetto dell'abito e stile: Francesco Scacchetti e Cherrie Cabrera
Indossatrice: Martina Bardelli






Collaboration in "DEAD HANDS" project: a dress for BELLA THORNE
 
I'm grateful to stylist Dead Meat for involving me in a challenging and complex project, which yet in the title "Dead Hands" clearly suggests the personality given by the Author to every detail of the work.
It's about a dress inspired to the dames of the Nineteenth Century, to be delivered to American actress Bella Thorne. The graphics of tissues, the choice of materials, the complexity of the whole assembly required a strong effort in concept and tailoring.
Dead Meat wanted the dress to be completed by a special necklace, which looked like two hands in the act of strangling. Then I got asked for the way to reach this target, and immediately I saw 3D printing as the necessary technology. The peculiar features of the project took me outside the private laboratory and connecting to the right Suppliers to make every step with the best quality. Their job has been supported by my contribution in sculpting and optimizing of the mathematic model, by remodelling wrists, tendons and veins to enhance the realism of  the hands.

"Dead Hands" is a concept by: Dead Meat & B3nm
3d project director: Giovanni Volpi
3d printing: SI-Design
3d scanning: V-GER
Decorations and coating of the necklace: Marcello Rizza
Silver plates: Maurizio Croci's "Parsifal"
Model: Martina Bardelli
Dress project and design: Francesco Scacchetti e Cherrie Cabrera


venerdì 27 settembre 2019

ASTON MARTIN "STONEHENGE" - Video presentazione

Questo articolo compare nei miei blog "La scrivania di Giovanni" e "Fabbrica in scatola", perché riguarda un progetto  pubblicato tempo fa su entrambi. Per essere più precisi, il materiale di presentazione è per lo più frutto della stampa 3d che di lavoro grafico.
Mancava una video presentazione, ora disponibile nel mio canale YouTube.
Il completo discorso di descrizione dura 50 minuti ed è abbinato a una versione "trailer" di un minuto soltanto, per chi si accontentasse solo di una rapida sintesi.

ASTON MARTIN "STONEHENGE" - Video presentation

This post is featured in all my blogs "La scrivania di Giovanni" and "Fabbrica in scatola", because it's about a project  that was published on both some time ago. Actually, the presentaton portfolio is more about 3d printing than graphics.
The only missing thing was a video introduction, now available on my YouTube channel.
The complete description speech lasts 50 minutes, but it's been uploaded along with a one-minute "trailer" version. for people that's satisfied only by a fast abstract.
 


( Torna alla pagina iniziale / Back to Home Page )

sabato 14 settembre 2019

La PERSONA nel futuro dell'innovazione tecnologica

Questo post esce solo in parte dagli argomenti dei miei blog, perché si collega alle attività di comunicazione del mio canale YouTube e prende spunto dalle tecnologie di stampa 3d trattate in questo sito.
L'edizione 2019 del Festival Della Filosofia, che si tiene anche nella mia città di Modena, riflette sul tema della "Persona", coinvolta in modo sempre più critico dall'intreccio fra leggi di mercato e crescente innovazione tecnologica.
Ho voluto, così, offrire un personale contributo alla manifestazione in forma non ufficiale e amatoriale, con una conferenza sul tema.

PERSON in the future of technological innovation

This post is just partially off-topic in my blogs, because it's related to the communication activities of my YouTube channel and gets inspired by the 3d-printing technologies that I use to make the objects of this website.
The 2019 edition of Philosophy Festival, hosted also by my hometown Modena, is about the subject of "Person", that's involved in more and more critical way between market laws and growing technological innovation.
Thus I wanted to offer a personal contribution to the Event with an unofficial and "amateur"-style conference.



Per compiere, invece, un'operazione pubblicitaria al Festival, ho ideato uno "spot" in cui il logo appare creato con la stampa 3D.
To make an advertising contribution to the Event, I made a promo "spot" that shows the logo built with 3d-printing technologies.



Infine, parlare della "Persona" vuol dire anche affrontare il problema di considerare la sua interiorità, a cui il ritmo frenetico del presente non permette di dedicare il giusto spazio. L'arte espressionista astratta può aiutare, e ho conosciuto un'artista che si ispira a questo movimento in modo molto efficace. Credo meriti di essere conosciuta presso un pubblico più ampio e così ecco un video dedicato a lei.
Finally, talking about "Person" means also the problem of focusing on inner dimension of mankind, that's overwhelmed by the restless rhythm of present time. The conceptual expressionism art can help, then I met an artist who is inspired by this movement in a very effective way. I think she deserves to be known by a wider audience, so I dedicated this video to her.



( Torna alla pagina iniziale / Back to Home Page )